Verbali Consiglio Direttivo

Ciao Stefano
01/01/2021
Preparazione atletica
24/01/2021

Verbali Consiglio Direttivo

Qui di seguito un breve estratto, in forma di riassunto, dei verbali delle riunioni del Consiglio Direttivo, a partire dall’insediamento del nuovo gruppo in carica dall’ottobre 2020. Riteniamo importante che tutti i soci siano aggiornati sulle principali decisioni prese.

19 ottobre (18,30-19,15):

Nomina di presidente, vicepresidente e segretario; lettura dello statuto.

19 ottobre (21,15-23,45):

  1. Organizzazione della scuola di pattinaggio: nonostante l’emergenza Coronavirus i corsi possono continuare, all’aperto e mantenendo il distanziamento.
  2. Si decide il passaggio dalla Scuola di Pattinaggio all’agonismo di un gruppo di bambini che entrano in G1, G2 ed E1 da novembre. Ci sono anche alcuni più grandi il cui passaggio sarà concordato eventualmente con i genitori.
  3. Primi accordi per studiare come aggiornare l’abbigliamento invernale (stiamo esaurendo le scorte)

30 ottobre (21,15-23,00):

  1. Si decide che gli istruttori debbano pagare la quota associativa per poter beneficiare dell’assicurazione (quest’anno la quota sarà a carico della società).
  2. Si discute di come utilizzare i 3000 euro ottenuti accedendo al finanziamento del progetto “Sportivamente 2020”, sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo,con l’egida del Coni CR Veneto (interventi e per spese sostenute nel corso del 2020, costi di gestione ecc).
  3. Si definisce l’organizzazione settimanale degli allenamenti, tenuto conto del fatto che non saranno utilizzabili palestre o altre strutture oltre al pattinodromo: dal 9 novembre al 24 febbraio gli allenementi si terranno secondo lo schema riportato nella relativa pagina del sito.

2 dicembre (21,00-23,00):

  1. Per definire il nuovo abbigliamento invernale si decide di richiedere un nuovo preventivo per un preciso quantitativo: 50 pantaloni con cerniera e 20 giacche grandi.
  2. Si sta svolgendo il passaggio dei ragazzini dalla Scuola di pattinaggio all’agonismo: il momento di festa in cui tradizionalmente il nuovo gruppo viene presentato alla squadra, con consegna del regolamento, è rimandato a febbraio.
  3. Si fissa un tetto massimo di 55 iscrizioni per la scuola di pattinaggio, in quanto un numero maggiore di bambini non sarebbe gestibile.
  4. Si decide che, per la scuola di pattinaggio, eventuali recuperi per lezioni perse per maltempo si effettuino il lunedì successivo.
  5. Si svolgerà un breve momento di festa per la Scuola di pattinaggio, in vista del Natale, con consegna di piccolo dolce a tutti i bambini (18 dicembre o 21 se rimandato). In questa occasione sarà anche consegnato un premio di 50 euro ad ogni istruttore della Scuola di pattinaggio, come riconoscimento del lavoro svolto.
  6. Sentita la disponibilità degli istruttori, durante le vacanze scolastiche di Natale le attività della Scuola continueranno il 23, 28 e 30 dicembre, 4 gennaio, per poi riprendere il normale svolgimento delle lezioni del mercoledì e venerdì, l’8 gennaio. Per il gruppo dell’agonismo le attività proseguiranno invece con il consueto calendario, saranno solamente eliminate le lezioni nei giorni festivi, eventualmente recuperate negli altri giorni disponibili se il tempo lo permetterà.

12 gennaio (21,30-23,30):

  1. Si conferma la quota associativa pari a 25 euro. 
  2. Si decide di scegliere l’azienda Alé Cycling per i nuovi ordini di abbigliamento invernale (economicamente vantaggiosa perché permette agli atleti di utilizzare le giacche ancora in uso). 
  3. Si ragiona di come sostituire l’allenatrice Diana Murillo Susa, che potrebbe lasciare l’Italia in estate, o al più tardi in autunno. Ci sono diverse ipotesi di redistribuzione degli allenatori tra il gruppo G/E e il gruppo R/A/J, ma si stila anche un elenco di quattro o cinque persone che potrebbero essere interessanti per la squadra e che verranno contattate nelle prossime settimane per avere un primo riscontro sull’effettiva disponibilità.
  4. Si decide di rimandare ogni decisione sulle quote di iscrizione degli agonisti, in quanto è prematuro pensare all’eventuale stipendio di un nuovo allenatore, da cui potrebbe derivare una modifica delle quote degli atleti. In alternativa potrebbe anche essere rivisto il meccanismo dei rimborsi per le spese degli atleti che abbiano buoni risultati. 
  5. In base al nuovo DPCM il Veneto dovrebbe entrare in zona arancione: gli allenamenti potranno continuare ma a porte chiuse. Anche la corsa del lunedì con il gruppo G/E dovrà svolgersi all’interno del pattinodromo, con l’aiuto dei genitori-corridori disponibili. Verrà fatta comunicazione per tutti, ricordando anche che sarà necessaria l’autocertificazione e la nuova dichiarazione della società (segnalazione di attività non sospesa). 

10 febbraio (18,45-20-45):

  1. Tomaso Canazza e Massimo Ceccarello riferiscono l’esito dei colloqui preliminari avuti con potenziali allenatori, in sostituzione di Diana Murillo, per capire se compatibili con le nostre esigenze di tempo e di disponibilità economica.  Il Consiglio sta valutando quali ricontattare in modo da raggiungere un accordo soddisfacente per la società.
  2. Resta una priorità della società la formazione, come allenatrice, dell’atleta Ilaria Canazza.
  3. A seguito di alcune richieste pervenute, si valuta di riaprire il pattinodromo al pubblico il sabato pomeriggio a partire da marzo,  se ci saranno genitori disponibili a farlo e se il futuro DPCM del 15/2 lo consentirà.
  4. Si decide la creazione nel sito di un’altra area riservata, per la Scuola di Pattinaggio, dove le famiglie possano reperire documenti e informazioni più specifiche di quelle che possiamo aprire al pubblico.
  5. Il consigliere Tommaso Ceccarello aggiorna sui lavori relativi alla piastra A, continuamente rimandati. L’assessore Ivo Rossi  ha assicurato che il fondo dovrebbe essere stato stanziato: i lavori potrebbero partire in primavera, ma per noi sarebbe meglio in estate perché altrimenti dovremmo sospendere la scuola di pattinaggio. La società farà una lettera di sollecito da inviare all’assessore, facendo presente che questi continui ritardi rappresentano un danno d’immagine, poiché a causa dell’inagibilità della piastra la società ha perso l’opportunità di organizzare un campionato regionale a Padova.
  6. E’ arrivata la comunicazione ufficiale che la gara di Bagnoli (G/E) è stata annullata perché il Comune non ha dato i permessi per utilizzare la struttura. Per quel che riguarda il Trofeo Skate Italia e i Campionati Italiani Indoor (Pescara, 5-7 marzo e 12-14 marzo) la società ha già comunicato alle famiglie che, stante l’emergenza Covid, non ritiene che la squadra debba partecipare, privilegiando invece la partecipazione ai Campionati Regionali (Spinea, 20-21 marzo), che sono qualificanti per gli Italian Roller Games di giugno. Gli allenatori sono comunque disponibili ad accompagnare gli atleti che vorranno partecipare.
  7. Si decide di fornire una tuta con stemma della società a tutti gli allenatori ed istruttori.
  8. Per agevolare il lavoro degli istruttori, si  decide che i bambini della scuola di pattinaggio vengano redistribuiti in tre gruppi omogenei (distinti da adesivo sul casco, bianchi, gialli e neri), in quanto nel tempo si è formato un gruppo principianti troppo grande. Inoltre saranno bloccate eventuali nuove iscrizioni fino ai primi di marzo, poiché raggiunto il numero di 55 bambini iscritti che era stato messo come soglia massima.
  9. Per sopperire all’incertezza del calendario gare,  su richiesta di qualche genitore, il consiglio direttivo sta contattando le società della zona per proporre piccoli raduni o allenamenti in comune.  La società di San Giorgio delle Pertiche  si è detta disponibile e si sta cercando di organizzare giorni e orari, nel rispetto delle norme anticovid.